zadek24_DOUGLAS MAGNOAFP via Getty Images_amazondeforestation Douglas Magno/AFP via Getty Images

Problemi con i Mercati del Carbonio

GINEVRA – A gennaio è stato rivelato che ben il 90% dei crediti di carbonio approvati da uno dei più grandi certificatori del mondo potrebbe essere fasullo, quindi non rappresentare effettive riduzioni di carbonio nell'atmosfera. Sebbene lo scandalo possa aver scioccato alcuni, non dovrebbe essere una sorpresa. Gli attuali mercati volontari del carbonio non sono progettati in modo adeguato allo scopo.

La logica alla base dei mercati di compensazione delle emissioni di carbonio è semplice e convincente. Se le aziende devono pagare per le proprie emissioni di anidride carbonica, avranno un forte incentivo a emetterne di meno, e più denaro verrà indirizzato verso attività che evitano, riducono o rimuovono le emissioni. Ma se una quota così ampia di offset certificati risulta di scarsa qualità, l’idea evidentemente non funziona. Data la centralità delle compensazioni rispetto agli impegni net-zero delle imprese, ciò non è di buon auspicio per l'azione globale per il clima.

A peggiorare le cose, i mercati di compensazione del carbonio poco disciplinati hanno consentito l'ascesa dei "cowboy del carbonio". Questi rivenditori di crediti di carbonio sottopagano le imprese e le comunità del Sud del mondo che forniscono compensazioni basate sulla natura, che vengono poi vendute con un ricarico ai clienti dei paesi sviluppati.

Molti attivisti per il clima sostengono che qualsiasi approccio basato sul mercato sia fondamentalmente errato, poiché consente alle aziende di rimuovere la CO2 dai propri bilanci acquistando compensazioni senza effettivamente ridurre le emissioni. In questo modo, sostengono i critici, le aziende evitano la pressione pubblica e politica per la trasformazione delle loro attività, e il passo della decarbonizzazione di fatto rallenta.

Ma il problema con il sistema di compensazione delle emissioni di carbonio non è che esso sia basato sul mercato. Il problema è l'assenza di un solido quadro di governance per garantire che il mercato realizzi il suo scopo pubblico. Anche i mercati con una reputazione controversa, come quelli della finanza e dei prodotti farmaceutici, hanno regole che vanno oltre la certificazione della qualità dei prodotti scambiati, per garantire una certa responsabilità degli attori del mercato e, spesso, per fissare i prezzi che possono applicare.

I mercati volontari del carbonio, al contrario, si basano quasi esclusivamente su schemi di certificazione privata che presumibilmente affermano che una certa quantità di gas serra - una tonnellata di CO2 equivalente per credito di carbonio - è stata tenuta fuori dall'atmosfera o rimossa da essa. La certificazione ha un ruolo importante da svolgere, ma non può funzionare se non è supportata da un quadro di governance più ampio. Così come non lasceremmo mai, ad esempio, che gli alimenti o i prodotti farmaceutici siano disciplinati esclusivamente attraverso sistemi basati sull’ autocertificazione, non dovremmo farlo per le emissioni di CO2.

WINTER SALE: Save 40% on all new Digital or Digital Plus subscriptions
PS_Sales_Winter_1333x1000

WINTER SALE: Save 40% on all new Digital or Digital Plus subscriptions

Subscribe now to gain greater access to Project Syndicate – including every commentary and our entire On Point suite of subscriber-exclusive content – starting at just $49.99.

Subscribe Now

La buona notizia è che sono in corso impegni per rafforzare la governance dei mercati volontari del carbonio, sia a livello nazionale che attraverso iniziative private internazionali, come l'Integrity Council for the Voluntary Carbon Market. La Taskforce on Nature Markets, da parte sua, sta avanzando proposte per una solida governance di tutti i mercati della natura, compresi i mercati del carbonio. Ma dobbiamo aumentare il passo, l'ambizione e l'impatto di questi sforzi.

Costruire mercati di crediti credibili ed efficaci per il carbonio e la biodiversità richiede progressi su più fronti. È necessario un livello più radicale di trasparenza e responsabilità in modo che tutti possano vedere esattamente quali accordi vengono conclusi e da chi. I commercianti devono essere accreditati, anche per porre fine al fenomeno del “carbon-cowboy”. Le voci interessate devono essere ascoltate, e le parti interessate visibili. Ciò fornirà importanti segnali di qualità al mercato, riducendo appetibilità e valutazione di compensazioni di scarsa qualità e di certificazioni imperfette, proteggendo nel contempo i diritti umani.

È anche giunto il momento di stabilire prezzi base minimi, al fine di escludere compensazioni e attori di scarsa qualità e promuovere risultati più equi, in particolare per il Sud del mondo, le popolazioni autoctone e le comunità locali.

Infine, si devono aggiornare gli accordi di governance internazionale. I principi e le linee guida non sono sufficienti per garantire l'esclusione di prodotti di scarsa qualità, accordi iniqui, commercianti disonesti e, più in generale, mercati che non rispettano gli standard minimi concordati.

In tutte queste aree, sarebbe relativamente semplice ideare soluzioni promettenti, implementare programmi pilota e dimensionare iniziative di successo. Tali sforzi dovrebbero basarsi su piattaforme e iniziative esistenti che riuniscono attori del mercato, società civile, rappresentanti delle popolazioni autoctone e delle comunità locali, esperti e responsabili politici. Strumenti digitali come i cosiddetti contratti smart possono accelerare i progressi, soprattutto quando si tratta di aumentare trasparenza e responsabilità.

Ottenere i giusti mercati dei crediti per il carbonio e la biodiversità rappresenta un fattore determinante per raggiungere i nostri obiettivi climatici, naturali e di sviluppo più ampi. Altrimenti, tali obiettivi potrebbero diventare irraggiungibili. In effetti, senza un rinnovamento completo, è più probabile che questi mercati costituiscano parte del problema.

https://prosyn.org/SfuzoGXit