op_navalny1_MAXIM ZMEYEVAFP via Getty Images_alexei navalny Maxim Zmeyev/AFP via Getty Images

L’Arcipelago Novichok

BERLINO/MOSCA – Il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny è a capo della Fondazione Anti-Corruzione di Mosca. Ad agosto, è stato trasportato dalla Siberia a Berlino per curare una grave malattia che i medici e l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche successivamente hanno confermato essere stata causata dall’agente nervino Novichok. Ora in ripresa, Navalny ha recentemente parlato con Tikhon Dzyadko, il redattore capo di Dozhd TV (TV Rain), l’unica rete televisiva indipendente rimasta in Russia.

Cosa Potrebbe Fare l’Occidente

Tikhon Dzyadko: L’Unione europea ha recentemente votato per sanzionare sei cittadini russi e un ente in relazione al tuo avvelenamento ad agosto. Le persone colpite sono rappresentanti dell’amministrazione presidenziale, dei servizi speciali e delle istituzioni in cui si ritiene che sia stato creato il Novichok. Pensi che queste sanzioni siano sufficienti?

Alexei Navalny: Sono principalmente interessato a ciò che accade in Russia; la reazione dell’Europa è di secondaria importanza qui. Capisco che l’indignazione di molti paesi non sia del tutto collegata a me. Sono più interessati all’uso di un’arma chimica. A nessuno piacciono le armi chimiche. Quello che voglio è un’indagine condotta sul territorio russo – o almeno la parvenza di un’indagine. Perché quello che sta accadendo adesso sembra essere un altro segnale del fatto che nessuno può contare su alcun tipo di giustizia nel nostro Paese.

Per quanto riguarda sanzioni o liste nere, la mia posizione è sempre stata che se i paesi sviluppati vogliono aiutare la Russia, i suoi cittadini e se stessi, dovrebbero fermare lungo il percorso il denaro sporco che esce dalla Russia. Non sono necessarie quelle nove persone – coloro che hanno inventato il Novichok o lo hanno usato come arma – per bloccare questo flusso di denaro che viene rubato ai nostri cittadini.

Gli assassini e coloro che hanno dato loro l’ordine devono essere perseguiti penalmente. Ma ciò che è veramente necessario è cacciare dall’Europa tutti gli oligarchi: gli Usmanov, gli Abramovich, gli Shuvalov, i Peskov e tutti questi propagandisti che si arricchiscono e inviano denaro in Europa mentre i russi sono tenuti in povertà e degrado. Queste sono le persone che devono essere combattute. Non so quali misure prenderanno i paesi europei in risposta al mio avvelenamento, ma vorrei che si concentrassero sulla punizione non solo dei lacchè che eseguono gli ordini, ma anche dei criminali di alto profilo che nascondono i loro soldi rubati a Berlino, Londra e Parigi.

TD: Ma sicuramente alcuni funzionari europei ti hanno consultato riguardo a chi dovrebbe essere punito. Hai aiutato a compilare elenchi di persone che saranno sanzionate?

AN: No, non ho bisogno di fare un altro elenco. Puoi consultare una qualsiasi delle nostre indagini della Fondazione Anti-Corruzione, la maggior parte delle quali riguarda proprio questo: come alcune persone, che dichiarano di essere dei patrioti, saccheggiano somme enormi e si comprano immobili di lusso a Manhattan o Mayfair. La mia lista è il mio blog su YouTube. Chiunque può sintonizzarsi lì, prendere i nomi e aggiungerli a qualsiasi elenco anti-corruzione.

In effetti, adesso io non sono in comunicazione con nessun funzionario qui a Berlino o altrove in Europa. Le uniche persone con cui parlo sono i medici. Non credo che l’Europa e i suoi funzionari abbiano bisogno del mio aiuto. Ancora una volta, stanno imponendo sanzioni non a causa mia, ma perché l’uso di armi chimiche è una violazione delle leggi e delle convenzioni internazionali. Questo è il motivo per cui l’indagine formale e le dichiarazioni sull’uso del Novichok nel mio caso non sono state fatte da paesi europei, ma dall’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche, che la Russia ha contribuito a creare.

Che si tratti di Navalny o di chiunque altro, la punizione per l’uso di un’arma del genere dovrebbe essere la stessa. Le sanzioni dell’UE non sono legate alla mia persona, ma al fatto che in Russia esiste un programma attivo per lo sviluppo di armi chimiche, che vengono utilizzate per eliminare gli oppositori politici.

L’ Insabbiamento

TD: Quando eri in ospedale, ci sono state notizie dei media secondo cui funzionari del consolato russo chiedevano di potere accedere a te. Alla fine li hai incontrati?

AN: Questa è stata una situazione assurda. Per quanto ne so, hanno chiesto di incontrarmi quando, probabilmente, ero ancora in coma, o avevo appena iniziato ad uscire dal coma. È stato un confronto così bizarro. Avrebbero potuto anche cercare di parlare con una pietra nella foresta! “Chiediamo di avere accesso a Navalny!” ha dichiarato il consolato. Le disposizioni internazionali sull’accesso consolare richiedono che venga fornita assistenza consolare alle persone che ne hanno bisogno. Io non ne ho bisogno; ho bisogno solo di una cosa: che la Russia conduca un’indagine adeguata sul fatto che vi è stato un tentativo di assassinarmi.

SPRING SALE: Save 40% on all new Digital or Digital Plus subscriptions
PS_Sales_Spring_1333x1000_V1

SPRING SALE: Save 40% on all new Digital or Digital Plus subscriptions

Subscribe now to gain greater access to Project Syndicate – including every commentary and our entire On Point suite of subscriber-exclusive content – starting at just $49.99.

Subscribe Now

Se non esiste un procedimento penale del genere, perché la posizione ufficiale a tutti i livelli è che non c’è stato alcun tentato omicidio, beh, mi piacerebbe avere i vestiti che indossavo quando sono stato avvelenato. Ci sono tutte le ragioni per presumere che il Novichok sia stato applicato ai miei vestiti, che sono rimasti nell’ospedale di Omsk. Vorrei ricevere anche la mia cartella clinica. E mi piacerebbe molto vedere le registrazioni video sequestrate dagli ufficiali del ministero degli interni dell’hotel a Tomsk, dove probabilmente è avvenuto l’avvelenamento. Non sappiamo dove siano queste registrazioni. Se non c’è un procedimento penale, dove sono i video? Voglio vedere chi è entrato nella mia stanza d’albergo.

Ciò che il ministero degli Esteri russo sta attualmente facendo è solo una distrazione. Per qualche ragione, chiedono prove dalla Germania. Perché? La Russia ha i miei vestiti, che dovrebbero essere esaminati. La Russia ha il mio sangue, che dovrebbe essere testato. L’ospedale di Omsk è dove si trovano le mie cartelle cliniche e tutto il necessario per un’indagine adeguata. Ma, per qualche motivo, non ne vediamo traccia. Invece, assistiamo a una sorta di schermaglia tra Russia e Germania.

TD: Pensi che ci sarà qualche forma di indagine?

AN: Supponevo che almeno avrebbero finto di svolgere un’indagine. Ma, finora, non c’è nemmeno un’indagine fittizia. Questa, per me, è un’ulteriore conferma del fatto che sia stato il presidente russo Vladimir Putin ad emettere l’ordine. Altrimenti avremmo visto qualcosa di simile alle investigazioni sull’omicidio di Boris Nemtsov.

In quel caso, l’organizzatore non è stato arrestato ed il mandante è rimasto senza nome. Solo coloro che hanno premuto il grilletto sono stati arrestati. Ma almeno c’è stata un’indagine. Nel mio caso, c’è un totale disprezzo. Secondo la stampa francese, Putin, nelle conversazioni con i leader di altri paesi, ha negato l’uso di armi chimiche, ed ha quindi affermato che mi sono avvelenato da solo.

Le Impronte Digitali di Putin

TD: Esatto, Le Monde ha pubblicato un articolo citando la conversazione di Putin con il presidente francese Emmanuel Macron. In tale occasione, Putin ha detto qualcosa del tipo: “Navalny è un piantagrane su Internet, il Novichok può essere rintracciato in Lettonia ed è possibile che lo stesso Navalny l’abbia ingerito”. Cosa hai pensato quando hai letto questo?

AN: Ho pensato di aver ragione nel ritenere che l’ordine fosse di Putin. Per il modo in cui nega tutto, si rende uno zimbello. Non ho dubbi che la parte francese abbia fatto trapelare questo alla stampa, perché era indignata da bugie così palesi. Pensa a quello che ha detto Putin: “Navalny spesso finge ...”. Questo livello di menzogna non viene raggiunto per nessun altro. Sta mentendo per se stesso, cercando di giustificarsi.

In altre parole, questo non è stato un incidente “canaglia”. Non c’è un generale pazzo che abbia ordinato a un gruppo di misteriosi assassini di eliminare qualcuno. Era il progetto personale di Putin ed è fallito. Adesso sta cercando di proteggersi, anche con questa bugia completamente mostruosa. L’uomo è stato sorpreso con una pistola fumante puntata alla mia nuca e, dopo essere scomparso, dice: “Non è colpa mia. È stato un tentativo di suicidio”.

TD: Hai una delle migliori strutture investigative in Russia. Se non ci sono indagini ufficiali nella Federazione Russa, la Fondazione Anti-Corruzione svolgerà una sorta di inchiesta autonoma?

AN: Vorrei sapere con certezza chi è stato. Abbiamo certamente il miglior gruppo investigativo in Russia, e posso dire senza falsa modestia che è probabilmente uno dei migliori al mondo. Ma, ad essere onesti, le nostre possibilità sono limitate ora che i video di sicurezza dell’hotel sono spariti. Non possiamo riprenderli dall’FSB (Servizio di Sicurezza Federale) con un assalto. Tutto è stato confiscato e inviato lì.

Il caso si sarebbe dovuto risolvere molto facilmente. Il filmato renderebbe tutto molto chiaro. Ma non possiamo ottenere questa prova. La stragrande maggioranza delle nostre indagini viene condotta utilizzando informazioni disponibili pubblicamente. Lavoriamo con open source e semplicemente le analizziamo molto bene. Nel mio caso, sarebbe necessario vedere i dati di sorveglianza, perché ero seguito. Da quello che ho capito, c’era un resoconto stranamente dettagliato dei miei movimenti prima di lasciare Tomsk, apparentemente preparato da una sezione di FSB che era responsabile di tenermi sotto controllo. Sono stato osservato costantemente e meticolosamente. L’intero hotel era coperto da videocamere. Questo è il più importante elemento di prova, ma tutto è stato sequestrato.

Ovviamente stiamo cercando di capire cosa è successo, ma non siamo ingenui. Non ci sarà nessuna scoperta sensazionale. Non saremo in grado di pubblicare presto fotografie delle persone che hanno commesso questo crimine. Ecco come funziona il potere. Stiamo parlando di rappresentanti dei servizi speciali. L’intera macchina è ora impegnata a nascondere e distruggere le prove. Ecco perché non ci sono video, vestiti, niente.

Tornare al Lavoro

TD: Tante volte negli ultimi anni ti è stato chiesto se hai paura di essere ucciso. Adesso hanno davvero cercato di ucciderti. Cosa provi? Hai intenzione di vendicarti?

AN: Beh, pare che io sia vivo e, stranamente, non provo amarezza. Fissare la morte in faccia è un’esperienza gratificante. Ovviamente ho forti sentimenti per le persone che mi hanno fatto questo. Ma non mi sorprendo a pensare che mi piacerebbe strangolarli con le mie stesse mani. Desidero ardentemente giustizia per me e per tutti quelli che mi circondano, ma questo perché è impossibile considerare un paese normale se un simile sfacciato tentativo di omicidio non viene nemmeno indagato.

Siamo onesti, io in qualche modo sono una persona famosa. La gente vuole intervistarmi. Ma cosa sarebbe successo se fossi stato un attivista qualunque che si opponeva a un oligarca o ad un governatore locale in qualche regione russa? Cosa sarebbe successo se fossi stato un attivista per i diritti umani da qualche parte del Caucaso? Quando un crimine di alto profilo con una vittima più o meno famosa come me non ha conseguenze, cosa possono aspettarsi quelle persone. Se anche io non posso ottenere giustizia o almeno un’indagine, nessun cittadino russo può contare su nulla. Ecco perché chiedo giustizia! Quanto a vendicarmi, non ho questo desiderio.

TD: Adesso cambierai la tua strategia e quella della Foundazione Anti- Corruzione? Ovviamente la posta in gioco è aumentata. Fino al 20 agosto, il giorno in cui sei stato avvelenato, stavi conducendo indagini, perseguendo una strategia di “voto intelligente” (incoraggiando le persone a votare sempre per qualunque candidato si opponga al partito al governo, Russia Unita) e tenendo manifestazioni. Ora che la situazione è cambiata, come cambierete le vostre attività?

AN: La posta in gioco è aumentata nel senso che stiamo assistendo al declino del regime. Prima avevamo capito di avere a che fare con mascalzoni ossessionati dal potere e dal denaro e che apparentemente non si fermeranno davanti a nulla. Ma adesso siamo consapevoli più che mai che la “cassetta degli attrezzi” include assassini politici e intimidazioni attraverso metodi straordinariamente pericolosi. Le armi chimiche sono armi chimiche, dopotutto. L’unica domanda che rimane è fino a che punto siano disposti ad applicare tali metodi.

La posta in gioco è davvero più alta in tal senso. Ma, come in passato, la strategia di base rimane la stessa. Dobbiamo fare appello alla gente. Dobbiamo rivendicare il diritto di partecipare liberamente alle elezioni come candidati. Continueremo a organizzare manifestazioni. Quello che è successo è molto rilevante, ovviamente, non da ultimo per me personalmente. Ma, in generale, non credo che il nostro approccio o le nostre attività cambieranno drasticamente.

Detto questo, devo riconoscere che ho perso più di un mese in Russia. Sono all’estero e ora mi sorprendo costantemente a pensare a come una persona in una posizione del genere perda il contatto con ciò che sta accadendo. Pertanto, non voglio elaborare una strategia per oppormi al regime russo mentre sono a Berlino. Non voglio impegnarmi in attività da emigrato. Le mie attuali priorità sono il recupero, la riabilitazione e il ritorno in Russia.

Poi tornerò a lavorare con i miei colleghi della Fondazione nei nostri uffici regionali. Ci adatteremo alle realtà in via di sviluppo e alla nuova situazione politica se, ad esempio, verranno annunciate elezioni presidenziali anticipate. Adatteremo la strategia secondo necessità. Abbiamo sempre cercato di fare della nostra flessibilità la nostra forza. Il Cremlino sta cambiando e noi stiamo cambiando. È difficile dire esattamente come cambieremo, perché devo ancora rientrare.

TD: Sulla base di quello che vedi in Russia, cambieresti l’approccio alla tua sicurezza personale? Stai valutando la possibilità che la tua famiglia possa rimanere all’estero?

AN: Questa è una domanda per i membri della famiglia, inclusa mia moglie. Ma no, la questione non viene presa in considerazione. Julia sostiene il mio lavoro e torneremo sicuramente.

È impossibile competere con lo Stato in termini di sicurezza. Sono realista. Capisco che anche se mi circondassi di 30 guardie, queste guardie potrebbero essere arrestate domani per aver partecipato a una marcia non autorizzata quando mi accompagnano. Dopodiché, le autorità potrebbero trattenerle e versarmi sette bottiglie di Novichok sulla testa.

Cerco di comportarmi nel modo più ragionevole e responsabile possibile, ma mi rendo conto che è semplicemente impossibile competere con l’intera macchina statale. Il mio atteggiamento è probabilmente diventato più fatalista di prima. Faccio solo quello che penso sia la cosa giusta da fare. Chiedo sostegno alle persone. Cerco di comportarmi il più attentamente possibile, ma questo non dovrebbe interferire con la mia attività principale.

TD: Hai già immaginato il tuo ritorno? Le aspettative sono molteplici. Alcuni si aspettano che tu faccia una grande manifestazione. Altri si chiedono se ti sarà permesso di tornare in Russia.

AN: Come possono non farmi entrare in Russia? Sono un cittadino russo, ho un passaporto russo. Non mi può essere negato l’ingresso. A dire il vero, vedo già gli sforzi delle autorità per impedirmi di tornare, principalmente cercando di intimidirmi con una sorta di procedimento penale. Ma ho già superato la fase della mia vita in cui le minacce di procedimenti penali mi infastidivano. Non avevo paura di questo prima, e ne ho ancora meno adesso.

Ma sulla questione di come immagino il mio ritorno, prima di tutto, non ci penso. Sicuramente non sto pianificando scenari. Dovrei, come Aleksander Solzhenitsyn, venire a Vladivostok in Estremo Oriente, e poi viaggiare attraverso la Russia in treno e fraternizzare con fan adoranti ad ogni fermata? Vorrei evitare qualsiasi pathos non necessario. Possono esserci stati alcuni eventi drammatici nella mia vita, ma, alla fine, sono solo un politico russo che ora è temporaneamente a Berlino per cure mediche. Mi riprenderò, andrà tutto bene per me e tornerò in Russia in classe economica. Prenderò un taxi, tornerò a casa e la mattina andrò a lavorare, tutto qui.

Guerra Al Popolo

TD: Sono successe molte cose durante la tua assenza. Uno dei peggiori eventi finora è la giornalista Irina Slavina che si è immolata a Nizhny Novgorod. Hai letto a riguardo?

AN: Certamente. È una storia assolutamente mostruosa. Non posso dire con certezza che la nostra sede centrale abbia interagito con Slavina. È venuta ad alcune conferenze stampa quando ero a Nizhny Novgorod, e ci sono fotografie di noi. Quando ho saputo, ho subito postato online su questa storia, su come lei sia stata spinta al suicidio. Questo è stato il risultato di una campagna di distruzione personale condotta dalle autorità. Hanno preso di mira una giornalista che non ha fatto nulla di male. È stata multata ripetutamente (per cui l’abbiamo aiutata a raccogliere dei soldi); è stata privata dei suoi mezzi di sussistenza; è stata punita per aver esercitato la sua professione.

Si deve capire il grado di disperazione che deriva dal vedersi togliere l’unico mezzo a propria disposizione per guadagnarsi da vivere. Oltre alle multe schiaccianti, Slavina allevava due figli ed era presa di mira da persone che non avevano mai fatto nulla di buono nella loro vita. Hanno fatto irruzione in casa sua e hanno confiscato i telefoni.

Cosa si dice ai propri figli in questa situazione? Non puoi comprare loro un nuovo telefono, perché non hai soldi e devi multe infinite. Le autorità hanno chiaramente fatto tutto il possibile per portarla alla disperazione. Non è solo una tragedia, ma un crimine. Dovrebbero essere ritenute responsabili delle persone specifiche. Ecco come mi sento al riguardo.

Questa intervista è presentata in collaborazione con Dozhd TV.

https://prosyn.org/C8RfBqeit